Tag

,

In Valle di Susa, la preoccupazione e la contrarietà alla grande infrastruttura dell’alta velocità rimangono.

In un ambito ormai da anni mediaticamente in prima pagina, può anche essere siano arrivati gli antagonisti per professione, violenti per scelta, coloro i quali non si preoccupano tanto di spiegare e di discutere perché l’opera risulti inutile e dannosa, quanto di tirare le pietre.

Senza dimenticarci, però, di coloro i quali tirano le parole, provocano, cercano una loro visibilità politica a qualunque costo, con discorsi e interventi che nulla aggiungono, ma che molti danni provocano.

La Politica, quella con la P maiuscola, quella che dovrebbe far dialogare, mediare, ascoltare e capire, non pare esserci o comunque essere interessata. E così, una questione di democrazia, di confronto, di discussione su un importante tema locale divenuto però altrettanto importante tema generale per il modello di sviluppo e di società che noi vogliamo, viene degradato a questione di ordine pubblico.

Annunci